Alla Scoperta delle Origini

Itinerario archeologico

26/01/2012 16.01.28

Il percorso nella sua interezza, permette di ammirare le attrattive di questa fascia all'interno del territorio del Cicolano. Lungo questo itinerario, infatti, si addensano i principali centri, le testimonianze archeologiche, i nodi strategici dello sviluppo storico e si collegano aree di pregio ambientale e paesaggistico, secondo una logica organica alle forme del territorio. Il percorso propone una lettura delle testimonianza antiche: centri fortificati e necropoli e del rapporto che intercorse tra questi e l'antico popolo degli Equi. Gli Equi sconfitti dai Romani nel 304 a.C. , furono in gran parte sterminati e quelli che rimasero si concentrarono sul territorio della Valle del Salto, che assunse il nome di Ager Aequicolanus. Il termine Equicoli infatti, (Aequiculi, Aequicoli), è entrato in uso nella letteratura a partire dalla tarda età repubblicana (II/I secolo a.C.) così si definivano appunto le genti distribuite lungo la valle del Salto. La tradizione letteraria parla di due re degli Equicoli, Septimus Modius e Ferter Resius. In genere gli Equicoli nelle fonti letterarie greche o latine sono descritti come un popolo fiero e bellicoso, che vive di caccia, nell'aspro ma rigoglioso territorio, ed anche di agricoltura. Molto nota è la descrizione che ne fa Virgilio nel VII libro dell'Eneide vv. 744-749. L'itinerario propone anche una lettura di epoche storiche più lontane, come l'insediamento risalente all'età del Bronzo Medio XVII-XIV secolo a.C., nelle grotte di Val de' Varri o la vasta superficie della piana di Corvaro che oltre al Tumulo di S. Erasmo, presenta tracce di insediamenti riferibili a varie epoche storiche, Bronzo Antico (ca. 2200-1700 a.C.) e Bronzo Medio (ca.1700-1300 a.C.). La Valle del Salto, ricca di testimonianze archeologiche, è stata nel XIX secolo oggetto di attenzione da parte di studiosi interessati ai terrazzamenti in opera poligonale presenti nell'area. Solo negli ultimi decenni si è proceduto a degli studi e ricerche sistematiche, ma molto del prezioso patrimonio ancora rimane da scoprire.


L'itinerario in sintesi.

·  PARTENZA: Cartore di Borgorose, area archeologica - Necropoli degli Arioli

·  ARRIVO: Inghiottitoi di Val de' Varri

·  Km PERCORSI: 30 Km circa

·  TEMPO DI PERCORRENZA: 1 giorno

·  PERIODO CONSIGLIATO: Tutto l'anno


Vai alla mappa dell'itinerario


Copyright 2010 LAit Spa - Tutti i diritti riservati www.culturalazio.it powered by