Le Vie del Sacro

Itinerario attraverso i luoghi della santità nel Cicolano

26/01/2012 15.33.41

L'itinerario offre la possibilità di conoscere e di assaporare attraverso una sorta di percorso mistico non solo chiese rurali, pievi, abbazie e santuari più o meno pregevoli, ma anche le insospettabili bellezze racchiuse all'interno dei borghi rurali disseminati lungo la vasta area che caratterizza il territorio del Cicolano.
L'abbazia di S.Salvatore Maggiore rappresenta "la porta" attraverso la quale si accede nel territorio del Cicolano per immergersi in una sorta di viaggio spirituale tra querce, alberi di noci e fitti boschi. Mentre Capradosso ci osserva passare, ecco subito Staffoli adagiato su di un'altura con la sua bella chiesa parrocchiale. A seguire Petrella Salto si scopre allo sguardo, percorrendo pendii boscosi per arrivare alla chiesetta rupestre della grotta di Santa Filippa e, continuando come un sottile filo conduttore avvolto da una rete di malinconia, si arriva presso la rocca di Santa Chelidonia a Fiamignano. Ricordi, malinconia ma anche gioia e serenità tra i castagneti del Santuario della Madonna di Pestroce presso S.Elpidio. A Collemaggiore San Paolo in Orthunis offre la possibilità di raccogliersi in preghiera, e Santa Maria della Grazie presso il bivio di Corvaro fa respirare la storia antica degli insediamenti romani con l'imponenza delle sue mura poligonali. San Francesco vecchio a Corvaro ci racconta del passaggio del Santo nel terriotorio di Cicoli, e nel paese di Sant'Anatolia si incontra il santuario dedicato all'ultima delle tre sante donne del Cicolano.
Prima di lasciare la Valle del Salto alla volta delle vicine terre d'Abruzzo, questo ideale percorso si chiude a Torano con la splendida chiesa di San Martino, ormai abbandonata, testimone di un grande passato.
La possibilità di contemplare innumerevoli scorci panoramici, dallo splendido lago del Salto fino ai monti della Duchessa, accompagna l'intero itinerario e ne costituisce una delle principali attrattive, unitamente al senso di libertà e di pace con se stessi . Un percorso che si snoda attraverso l'appennino centrale e respira in ogni momento la grandezza della storia passata.

 

L'itinerario in sintesi.

 

PARTENZA: Rieti, SS 578 per 15 Km, SP per 9 Km - Abbazia di S.Salvatore Maggiore

ARRIVO: Torano; Chiesa di San Martino

Km PERCORSI: 45 Km circa

TEMPO DI PERCORRENZA: 1 giorno

PERIODO CONSIGLIATO: Aprile – Ottobre

 


Vai alla mappa dell'itinerario


Copyright 2010 LAit Spa - Tutti i diritti riservati www.culturalazio.it powered by